THE TASTE OF THE SOUL

Chiedete pure :)   Contributi   Cibo, sesso, amore, politica e di tutto un po'. Ma soprattutto, voglia di raccontare. In questo mondo incasinato, una piccola voce persa in un universo parallelo.

Sono ancora nella fase che non capisco se è successo davvero o no, ma sono spudoratamente spudoratamente felice!!!!!!!!! 
Taste da 110 e lode con menzione.
Cose belle.

Sono ancora nella fase che non capisco se è successo davvero o no, ma sono spudoratamente spudoratamente felice!!!!!!!!!
Taste da 110 e lode con menzione.
Cose belle.

— 4 weeks ago with 61 notes
#e ora vado a bereee  #ciaooooo  #feliceeeeeee 
Comunque ieri notte alle 23 ho fatto il banana bread. Che io le banane le posso mangiare solo cotte.

E a colazione è di-vi-no.

Ps: con la marmellata di mirtilli è la morte sua ♥

Comunque ieri notte alle 23 ho fatto il banana bread. Che io le banane le posso mangiare solo cotte.

E a colazione è di-vi-no.

Ps: con la marmellata di mirtilli è la morte sua ♥

— 1 month ago with 13 notes
#taste in cucina  #buongiorno  #breakfast 
ESSERE DONNA SIGNIFICA…

…studiare con la molletta fra i capelli, occhiali, mega felpona e pantaloni larghi 4 volte, ma portare ai piedi decoltè stiletto per allargarli in vista della laurea. 

Tiè. 

— 1 month ago with 19 notes
#donne tùdùdù 
"E’ uno strano mito quello per cui gli atei non abbiano niente per cui vivere .
E’ l’opposto. Non abbiamo niente per cui morire.
E abbiamo tutto per cui vivere."
Ricky Gervais (via lasbronzaconsapevole)

True.

— 1 month ago with 166 notes
"«Il solo vero viaggio, il solo bagno di giovinezza, non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi, di vedere l’universo con gli occhi di un altro, di cento altri, di vedere i cento universi che ciascuno di essi vede, che ciascuno di essi è »."
Marcel Proust, “La prigioniera”
— 1 month ago with 11 notes
#citazione 

Ok, è ufficiale. Il 19 marzo alle 9 del mattino mi laureo. 

E SONO PURE LA PRIMA.

Il mio stomaco non risponde più, è tutto una contrazione. 

A-I-U-T-O. 

— 1 month ago with 25 notes
#laurea  #muoio 

Mi basterebbe anche solo un sussulto, come prendere il cuore e lanciarlo nel vuoto.

— 1 month ago with 11 notes
#pensieri  #buonanotte 
gazzellanera:

E che il nuovo bagno sia regolarmente sterilizzato, grazie 

gazzellanera:

E che il nuovo bagno sia regolarmente sterilizzato, grazie 

(via alienbish)

— 1 month ago with 72 notes
#no words 

Ma io un po’ forse le invidio quelle persone che si incontrano e si amano dal primo giorno, e nonostante le difficoltà sanno che staranno assieme tutta la vita, o almeno ci tenteranno, perché è una cosa naturale, come bere o il respirare, non ne possono fare a meno, e non nasce nemmeno il dubbio, non c’è nemmeno da dirlo, perché glielo leggi negli occhi che si sono trovati, e che affronteranno il resto del mondo assieme, e non avranno mai paura, tranne la paura di perdersi o lasciarsi. 

— 1 month ago with 23 notes
#pensieri 
fantasiedicoppia:

maxilux:

sushi

fame
*B*

Sushi, amore mio, non te l’ho mai detto ma mi manchi tantissimo. Ti desidero ogni giorno, e in questa città triste e senza te, mi sento sola e svuotata da ogni felicità.
Tua per sempre,
Taste

fantasiedicoppia:

maxilux:

sushi

fame

*B*

Sushi, amore mio, non te l’ho mai detto ma mi manchi tantissimo. Ti desidero ogni giorno, e in questa città triste e senza te, mi sento sola e svuotata da ogni felicità.

Tua per sempre,

Taste

— 1 month ago with 93 notes
#ne voglio una vagonataaaaaaaaaaaaaaaa 

Ieri mi son fatta la piastra dopo tipo 10 anni e ovviamente ha diluviato.
Oggi per consolarmi del tempo perso ho fatto una cheesecake che ha tutto il gusto delle cose semplici, con marmellata homemade di limoni ♥

— 1 month ago with 30 notes
#taste in cucina 

Sto guidando per rientrare a casa. Ma è come se avessi bisogno di guidare all’infinito nella notte, andare a vedere il mare, sentirne il profumo, e trovare qualcuno che mi prenda sotto la luce delle stelle e mi dica: vieni, torniamo a casa.

— 1 month ago with 16 notes
#pensieri  #driving 
Commemorare

Oggi è la festa delle Donne. Il termine festa è già a mio parere errato, poiché in realtà da festeggiare non c’è proprio nulla, commemorare, ecco, questo è il termine giusto. Non voglio far parte della schiera delle persone che dicono che giorni come questi non servono a nulla, in fondo, non vedo nulla di male nel prendersi un giorno per pensare più a fondo su una tematica, sottolineando ovviamente che questa tematica la dovremmo comunque sentire tutti i giorni. Perciò,di festeggiare non ne esiste proprio il motivo. Festeggerò davvero quando le mutilazioni genitali femminili cesseranno. Quando una donna con la minigonna non verrà additata troia (a volte purtroppo dalle donne stesse), e i maniaci delinquenti non si sentiranno giustificati dall’importunarla. Festeggerò quando una donna col velo non verrà additata come succube o bigotta. Festeggerò quando nemmeno una donna verrà più picchiata dall’uomo che ama, dal padre, da aguzzini che la obbligano a prostituirsi. Festeggerò quando nemmeno una donna verrà violentata, o avrà paura a camminare di notte per strada. Festeggerò quando una donna potrà decidere davvero cosa fare del proprio corpo senza subire giudizi meschini, quando potrà abortire senza vergogna e senza subire sabotamenti, quando potrà decidere di tenere un figlio anche se sola, o farsi inseminare anche se sola, e riceverà tutti gli aiuti che una nuova vita si merita. Festeggerò quando una donna non verrà guardata male (anche dalle stesse donne) quando deciderà che lei e la maternità non hanno nulla in comune, ma ama solo il suo lavoro. Festeggerò quando una donna verrà pagata come un uomo a parità di ruolo e lavoro. Festeggerò quando nemmeno una donna dovrà firmare contratti dove promette che non rimarrà incinta per almeno 10 anni. Festeggerò quando inizieremo davvero a volerci bene per quello che siamo, difetti e non, libere di sentirci bene con noi stesse, o di fare qualcosa per migliorarci: l’importante è che ci piacciamo. Festeggerò quando smetteremo di additarci l’un l’altra. Festeggerò quando smetteranno di parlare di quote rosa, di uguaglianza di genere, di parità di diritti. Voglio una società dove non ci sia bisogno di imporre delle quote, ma  dove tutto venga naturale. Io non voglio essere uguale agli uomini, semplicemente perché non sono un uomo. Sono orgogliosa del mio seno, del mio utero, dei miei fianchi, della mia diversa sensibilità. Non sono un uomo, e non voglio essere equiparata a lui. Non ho la stessa forza fisica, e a volte ho bisogno di protezione. Ma ho molta forza morale, un modo diverso di essere empatica, un modo diverso di lavorare, un modo diverso di amare. Diversità è ricchezza. Io voglio essere accettata nella mia diversità, nel mio essere donna. 

E io di donne favolose ne conosco tante. A tutte voi dico che, se vi piacete, non dovete assolutamente cambiare una virgola, perché siete meravigliose così come siete.

Arriverà il giorno in cui festeggeremo davvero. 

— 1 month ago with 10 notes
#8 marzo